A porte chiuse. Gli ultimi giorni del calcio italiano.pdf

A porte chiuse. Gli ultimi giorni del calcio italiano

Lorenzo Contucci,Giovanni Francesio

Se è vero che il calcio è lo specchio di un Paese, siamo messi male. Per fortuna, il calcio sta peggio del nostro Paese. E non parliamo di scommessopoli o delle frequenti inchieste finanziarie, ma di ciò che, in fondo, caratterizza ogni sport: il momento collettivo, il rito imprescindibile della partita. In Italia, ogni domenica - o venerdì, sabato, lunedì, mercoledì... come Signora Televisione comanda -, si gioca in stadi deserti, grigi, vecchi, brutti, addirittura chiusi al pubblico. Perché si è arrivati a tanto? Colpa degli ultras, dicono in molti. Colpa delle televisioni, ribattono altri. Colpa di tutti, fuorché di chi ha veramente colpa, ovvero di chi questo sistema poteva riformarlo, cambiarlo, o almeno non peggiorarlo. E invece per anni si sono susseguite decine di leggi cervellotiche, demagogiche, inutili e dannose, nel silenzio generale di una stampa (con poche virtuose eccezioni) sempre troppo allineata alle posizioni ufficiali. Così il calcio italiano si è impoverito, e gli stadi hanno perso pubblico e fascino. A porte chiuse è lo sfogo di due tifosi che hanno amato e amano visceralmente lesperienza dello stadio, ma è anche una vera e propria opera di controinformazione che farà aprire gli occhi (a chi è disposto a farlo) sullo stato comatoso del mondo del pallone. Punta il dito su responsabili e complici di questo disastro, semplicemente mettendo in fila una serie di fatti e circostanze avvenuti negli ultimi anni...

A porte chiuse. Gli ultimi giorni del calcio italiano, Libro di Lorenzo Contucci, Giovanni Francesio. Spedizione gratuita per ordini superiori a 25 euro. Acquistalo su libreriauniversitaria.it! Pubblicato da Sperling & Kupfer, collana Saggi, brossura, settembre 2013, 9788820050870.

9.81 MB Dimensione del file
9788820050870 ISBN
A porte chiuse. Gli ultimi giorni del calcio italiano.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.giadorto.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Così il calcio italiano si è impoverito, e gli stadi hanno perso pubblico e fascino. "A porte chiuse" è lo sfogo di due tifosi che hanno amato e amano visceralmente l'esperienza dello stadio, ma è anche una vera e propria opera di controinformazione che farà aprire gli occhi (a chi è disposto a farlo) sullo stato comatoso del mondo del

avatar
Mattio Mazio

31/12/2020 Porte chiuse, la decisione sembrava ufficiale, ma la Serie A fa marcia indietro e decide il rinvio di metà della giornata calcistica.Juve-Inter e le altre quattro partite di campionato in ...

avatar
Noels Schulzzi

Firenze, il calcio dilettanti, soltanto a porte chiuse "Così molte società a rischio crac" di MATTEO DOVELLINI Tribune deserte, genitori a caccia di soluzioni alternative per vedere i figli.

avatar
Jason Statham

Al momento non sono all'ordine del giorno riaperture, il Governo darà priorità assoluta alle scuole ventilando ipotesi di riammettere tifosi sugli spalti degli impianti sportivi quando l'indice RT scenderà sotto quota 0,5 (oggi è di 0,93). Il rischio concreto è che le porte chiuse decretate a fine ottobre 2020 possano protrarsi ancora molto a lungo, almeno fino a dopo la pausa della ... In Polonia porte aperte In Europa però c'è già chi ha deciso di aprire, seppur parzialmente, gli stadi al pubblico: in Polonia le partite del campionato di calcio si svolgeranno dal 19 giugno ...

avatar
Jessica Kolhmann

Calcio avanti, ma a porte chiuse. Il bene comune che trionfa sulle polemiche di calendario, perlomeno all’apparenza, e permette al movimento calcistico di rimettere in moto i propri meccanismi scongiurando il rischio di collasso paventato dai continui rinvii che stanno intasando la lista degli impegni delle società di casa nostra sino alla Il teatrino andato in onda negli ultimi giorni non contribuisce certo a offrire la migliore immagine, nel mondo, del calcio italiano. Anzi, diciamola tutta, il rimbalzello, il giochetto di responsabilità che si stanno palleggiando le alte sfere danneggia enormemente il pallone italiota ben oltre qualunque altra situazione sgradevole.