Degas parla.pdf

Degas parla

Daniel Halévy

Daniel Halévy ha saputo cogliere il suono della «sua bella voce», soprattutto quando era «intima e sofferta» - quando lasciava affiorare lombra tormentosa di quella «catastrofe inconfessata» che aveva segnato la sua esistenza. «Daniel Halévy, amico di Proust, era un ragazzo quando, a fine Ottocento, Edgar Degas frequentava la sua casa a Parigi. Dellartista delle ballerine registrò su un diario parole, battute e sofferenze. Per chi ama studiare anche il retro della tela» - Robinson, La Repubblica «Vengo a sapere che Dagas è malato, come sempre ai bronchi. Ha cambiato casa adesso abita in boulevard de Clichy. Ci vado. È la mia prima visita. Una delle nipoti, venuta ad assisterlo, mi apre e mi accompagna in camera da lui: una camera nuda, nuova, senza passato. Degas è a letto, immobile. Mi riceve con un paio di parole gentili. Mi accomodo su una sedia. Conversazione inesistente» Edgar Degas era schivo, taciturno, intransigente. E molto solo, perché solo, e isolato (soprattutto dagli artisti suoi contemporanei) voleva essere. Frequentava pochissimi amici, andava in pochissime case. Una di queste fu, per ventanni, quella degli Halévy: tra il 1877 e il 1897 rari erano i giorni in cui non pranzasse o cenasse da loro, perché lì si sentiva accolto, e finanche protetto, da quello «spirito Halévy», da quella «secchezza degli Halévy, che aveva agito nelloperetta come nelle battute di Oriane de Guermantes». Ad ascoltare, affascinato, le parole di Degas, cera un ragazzo, che poi le annotava accuratamente nel suo diario. E che nel 1960, quasi ottantottenne, si decise a pubblicarle. Grazie a Daniel Halévy scopriamo, di colui che sin dalladolescenza gli aveva dato «unidea precisa di cosa fosse la grandezza», le battute fulminanti e i paradossi acuminati, il rigore scontroso e i furori intellettuali. Ma anche lo stupore incantato con cui Degas ascoltava, o narrava lui stesso, una fiaba delle Mille e una notte/

Degas parla, Libro di Daniel Halévy. Sconto 5% e Spedizione gratuita per ordini superiori a 25 euro. Acquistalo su libreriauniversitaria.it! Pubblicato da Adelphi, collana Biblioteca Adelphi, brossura, novembre 2018, 9788845933226.

4.89 MB Dimensione del file
9788845933226 ISBN
Gratis PREZZO
Degas parla.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.giadorto.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

15 feb 2019 ... Il libro Degas parla (Adelphi, pagg. 245, euro 20) nasce da una collaborazione tra Daniel Halévy e quell'immenso pittore che fu Edgar Degas.

avatar
Mattio Mazio

Autore: Edgar Degas. Frase di: Edgar Degas – n° 3. Ero o sembravo duro come tutti, per una specie di impulso alla brutalità che mi veniva dal mio dubitare e dal mio cattivo umore. Mi sentivo così fatto male, così sprovveduto, così fiacco, mentre mi pareva che i miei calcoli d’arte fossero così giusti. Stenografia di Degas, fino alla notte finale. Daniel Halévy, “Degas parla”, a cura di Jean-Pierre Halévy, Adelphi. Per vent’anni Edgar Degas si sedette al desco di Ludovic Halévy, genio dell’operetta: il figlio Daniel sin da ragazzo registrò la vita quotidiana e la cecità progressiva dell’artista, in un commovente (e rivelatore) Journal

avatar
Noels Schulzzi

5 dic 2018 ... Degas parla di Daniel Halévy, appena pubblicato da Adelphi con la traduzione di Tommaso Pezzato, non è né l'una né l'altro. E non lo è per ...

avatar
Jason Statham

A differenza degli altri Impressionisti, che dipingevano esclusivamente en plein air e consideravano la natura come unico tema ed esempio da seguire, Degas non disdegnò l'esempio degli antichi maestri (la sua più grande palestra, in effetti, fu il Louvre) e preferì dare immagine alla vita urbana parigina, con i suoi riti e i suoi miti, privilegiando segnatamente la raffigurazione di luoghi ...

avatar
Jessica Kolhmann

Degas parla Daniel Halévy pubblicato da Adelphi dai un voto. Prezzo online: 15, 00 € 20, 00 €-25 %. 20, 00 € ... Non occorre essere storici dell'arte per accorgersi che Edgar Degas (1834-1917) non era il solito impressionista. Anzi non era affatto un impressionista, nonostante lo si tenda ad etichettare come tale. A differenza degli altri suoi compari, amici e colleghi, Degas non sopportava dipingere all'aperto. Lui era una creatura da studio - il suo studio.