La città. Utopie e realtà.pdf

La città. Utopie e realtà

Françoise Choay

Nel momento in cui la città del XIX secolo comincia ad assumere una propria fisionomia, si apre un nuovo procedimento di osservazione. La città appare ad un tratto come un fenomeno estraneo agli individui che la abitano e che nei suoi confronti si trovano come di fronte ad un fatto non familiare. Lo studio della città assume allora due aspetti differenti: uno studio descrittivo, che osserva i fatti con distacco e li ordina secondo criteri quantitativi e uno studio critico, che non scinde losservazione dalla polemica e dalla normativa, perché subisce la grande città come un processo patologico. Francoise Choay, studiosa di urbanistica, ripercorre questa duplice e contrastante reazione.

La città. Utopie e realtà. Fraçoise Choay, studiosa di urbanistica e critico d'arte dagli interessi filosofici e sociologici, conduce, attraverso una documentazione straordinariamente ricca e avvincente, una analisi strutturale e semiologica del quadro urbano attraverso i testi - spesso rari o introvabili - di trentasette autori: da Fourier a Wright, da Marx a Jane Jacobs, Nel momento in cui la città del XIX secolo comincia ad assumere una propria fisionomia, si apre un nuovo procedimento di osservazione. La città appare ad un tratto come un fenomeno estraneo agli individui che la abitano e che nei suoi confronti si trovano come di fronte ad un fatto non familiare.

4.83 MB Dimensione del file
9788806157081 ISBN
La città. Utopie e realtà.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.giadorto.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

realtà: quasi sempre la cosiddetta utopia degli architetti non è altro che la ... sizioni e i parallelismi fra 'utopia' e 'realtà', fra 'città ideale' e città, fra dettato teorico ...

avatar
Mattio Mazio

In senso generale la città rappresenta il punto di incontro tra idealità e realtà (Adriani 1961), dove si interrompe l’utopia come non-luogo e si apre la possibilità di realizzazione dell’utopia quale luogo felice. Nel momento in cui la città del XIX secolo comincia ad assumere una propria fisionomia, si apre un nuovo procedimento di osservazione. La città appare ad un tratto come un fenomeno estraneo agli individui che la abitano e che nei suoi confronti si trovano come di fronte ad un fatto non familiare.

avatar
Noels Schulzzi

La città italiana del rinascimento fra utopia e realtà / Die italienische Stadt der Renaissance im Spannungsfeld von Utopie und Wirklichkeit. A cura di / Herausgegeben von August Buck … Scopri La città. Utopie e realtà di Choay, Françoise, Ponis, P.: spedizione gratuita per i clienti Prime e per ordini a partire da 29€ spediti da Amazon.

avatar
Jason Statham

La Città dell'Utopia chiusa per le ferie! La Città dell'Utopia è chiusa per tutto agosto! Ricominceremo tutte le attivite in settembre dopo le ferie estive! Se volete saperne di più sulle attività imminenti (corsi, social Leggi tutto… Utopia nell'architettura. La città ideale . Da lungo tempo esiste, nella storia della cultura occidentale, una stretta connessione fra architettura e utopia. È consuetudine considerare il dialogo platonico che tratta, tra l'altro, della città ideale (la Repubblica) come la prima utopia di questo filone culturale.Il termine utopia è arrivato in realtà molto più tardi: fu introdotto da ...

avatar
Jessica Kolhmann

La fiducia nel progresso positivista comporta un grande fervore di attività nella città di fine Ottocento, con cambiamenti assai più rapidi rispetto al passato sul piano urbanistico: di tanto perentori mutamenti risentirà tuttavia la società del tempo, e di tale contraddizione si farà carico per prima l’arte, cercando di sanarla fornendo all’uomo ciò di cui necessita.